Alberione Opera Omnia
 


 

Indicazioni bibliografiche

  Autore

Don Giacomo Alberione
  Titolo Opera SAN PAOLO (1926-69) 1965
  Scritta nel 1965
  Anno Ed
  Lingua Italiano
  Pagine Totale 100
  Destinatario Società San Paolo
  Forma Testo
 

Continua la lettura

0
BRANO



     
Codice:
8613

SCHEDA - Parte: GENNAIO 1965 -  Capitolo: DISCEPOLI DEL DIVIN MAESTRO   Contesto:contesto Paragrafo: I MEDITAZIONE -  Pag.: 1


Anno XL
“SAN PAOLO”
Roma Casa Generalizia,
GENNAIO 1965

“AVE MARIA, LIBER INCOMPREHENSUS, QUAE VERBUM ET FILIUM PATRIS MUNDO LEGENDUM EXHIBUISTI” (S. EPIPHANIUS EP.)

GIORNATA PER I DISCEPOLI DI GESÙ MAESTRO

È stata a Roma (11 gennaio 1965) con l'intervento dei Superiori delle Case d'Italia, dei Maestri dei Discepoli ed erano rappresentati i Discepoli Professi.
Giornata di preghiera e studio: alla luce di Gesù Maestro e protezione di San Giuseppe.
Argomenti: l'opera del Vocazionista - la formazione spirituale, intellettuale, apostolica, umano-religiosa la vita del Discepolo Professo.

RIASSUNTO - RESOCONTO
Hanno parlato tutti i presenti

I
MEDITAZIONE

È molto utile che i Discepoli conoscano bene il loro Protettore San Giuseppe. Vi è la Teologia di San Giuseppe; ma vi sono anche molti libri semplici, perché il Discepolo conosca la dignità, la santità, la missione di San Giuseppe.
San Giuseppe fu fedele cooperatore di Gesù Redentore; così il Discepolo, accanto al Sacerdote, condividendo l'apostolato delle comunicazioni sociali. San Giuseppe fu docile strumento nelle mani del Padre Celeste a disporre tutto per la nascita, la salvezza da Erode, la fanciullezza e la preparazione della Vittima, Sacerdote, Maestro Divino.
San Giuseppe modello di ogni virtù, di vita interiore, di silenziosità operosa, docilità al volere di Dio, osservante di tutte le prescrizioni religiose e sociali.
Il mistero della sua intimità con Gesù, nella sua infanzia e giovinezza a Betlemme, in Egitto, a Nazaret: soavi conversazioni, comunanza di lavoro, pene e consolazioni.
Capo della Sacra Famiglia, modello dei Padri, umile ed imitatore di Maria, unito a Lei nelle pene, speranze e meriti.
S. Giuseppe sempre vergine, povero, silenzioso.
Nel suo transito da questa all'altra vita fu assistito da Gesù e da Maria: perciò è dichiarato protettore dei morenti.
Eletto protettore della Chiesa, per difenderla dal male, la guida ed assiste in ogni tempo, con la sua preghiera.
Il Discepolo conosca, ami, imiti, preghi san Giuseppe.
Si ricordi che la santità sta in fede viva, in speranza ferma, in grazia e carità verso Dio ed il prossimo. In questo san Giuseppe superò tutti i Santi, anche gli Apostoli, ed anche l'Apostolo san Paolo. Che pensa il Discepolo? Guardi a san Giuseppe.
È necessario che ai Discepoli si procurino libri a questo riguardo; e che nelle scuole e negli altri locali dove si raccolgono i Discepoli, si esponga l'immagine di san Giuseppe. È utile che sia uguale nelle varie case.
 
 

www.operaomnia.alberione.org

 
   
 

Copyright © 2016 Famiglia Paolina
Powered by: www.paulus.net