Alberione Opera Omnia
 


 

Indicazioni bibliografiche

  Autore

Don Giacomo Alberione
  Titolo Opera SAN PAOLO (1926-69) 1963
  Scritta nel 1963
  Anno Ed
  Lingua Italiano
  Pagine Totale 100
  Destinatario Società San Paolo
  Forma Testo
 

Continua la lettura

0
BRANO



     
Codice:
8432

SCHEDA - Parte: GENNAIO 1963 -  Capitolo: ANNO DI PARTICOLARE SANTIFICAZIONE   Contesto:contesto Pag.: 1


Anno XXXVIII
“SAN PAOLO”
Gennaio 1963
Roma Casa Generalizia,

“AVE MARIA, LIBER INCOMPREHENSUS, QUAE VERBUM ET FILIUM PATRIS MUNDO LEGENDUM EXHIBUISTI” (S. EPIPHANIUS EP.)

Anno di particolare santificazione
(dal 25-1-1963 al 25-1 1964)

Pratica: Ogni sera la Coroncina del santo Cottolengo «Vergine Maria, Madre di Gesù, fateci santi».

L'anno dedicato in modo particolare alla santificazione, si inizia con la festa della Conversione di san Paolo (25 gennaio 1963) e si chiuderà in data 25 gennaio 1964, quindi, con la medesima solennità.
La data di inizio è scelta per questo: Saulo, al capo 22 degli Atti, racconta la sua conversione: «Mentre ero in viaggio e mi trovavo già vicino a Damasco, ad un tratto, verso mezzogiorno, ecco che una gran luce venne dal cielo e mi avvolse nel suo splendore. Caddi per terra e sentii una voce che mi diceva: «Saulo Saulo, perché mi perseguiti?». Ed io risposi: «Chi sei, o Signore?». Egli mi disse: «Io sono Gesù di Nazaret, che tu perseguiti»... Io dissi allora: «Che devo fare, Signore?». Questa espressione indica la piena conversione di Saulo; ed insieme la piena disposizione al volere di Dio. Ora la santità vera sta precisamente nella conformità al volere di Dio e l'abbandono nelle sue mani. Già aveva raggiunta la perfezione.
San Paolo ci è qui perfetto Maestro di santificazione: invece l'attaccamento alle nostre idee, capricci, gusti, voleri sono gli impedimenti alla vera santità.
Vogliamo arrivarci? Almeno in un anno di lavoro spirituale il pieno distacco da noi stessi per vivere pienamente nel divino volere.
Da notare che Saulo fu assoggettato ad una persona di autorità nella Chiesa, cioè alla stessa Chiesa che prima egli aveva perseguitata. Non qualunque persona è guida a se stessa nella Chiesa, ma ognuno di noi deve assoggettarsi alla Chiesa: «Va[Va'] a Damasco, ti verrà detto cosa devi fare». E Gesù gli mandò Anania.
Questo tempo, inizio del nuovo anno, il Signore ci invita ad un più profondo esame sopra l'ad quid venisti?
Creati
per essere santi: «elegit nos Deus ante constitutionem mundi ut essemus sancti».
Fatti cristiani per vivere come veri figli di Dio: «dedit eis potestatem filios Dei fieri».
Invitati al cielo: «sancti estote quoniam ego sanctus sum»; in paradiso tutto è purissimo e santo.
Religiosi: o si aspira, o già si è professi: e questa è la professione: farci santi, (come il medico, l'avvocato, ecc. esercitano la loro professione). A che servirebbe la vita, il battesimo, la vocazione se non ci facessimo santi?
 
 

www.operaomnia.alberione.org

 
   
 

Copyright © 2016 Famiglia Paolina
Powered by: www.paulus.net