Alberione Opera Omnia
 


 

Indicazioni bibliografiche

  Autore

Don Giacomo Alberione
  Titolo Opera ALLE FIGLIE DI SAN PAOLO 1929-1933 (1931)
  Scritta nel 1931
  Anno Ed 2005
  Lingua Italiano
  Pagine Totale 188
  Destinatario Figlie di San Paolo
  Forma Testo
 

Continua la lettura

0
BRANO



Sigle-Legenda
     
Codice:
39088

SCHEDA - Capitolo: MEDITAZIONI VARIE 1931   Contesto:contesto Pag.: 85


GIACOMO ALBERIONE
ALLE FIGLIE DI SAN PAOLO
Meditazioni e Istruzioni

GLI ANNI
DELLA PRIMA ESPANSIONE

Primo volume 1929-1933
MEDITAZIONI VARIE 1931

La predicazione del 1931 comprende venticinque meditazioni e sei ritiri, predicati da Don Alberione alla Famiglia Paolina di piazza San Paolo in Alba. Le prime meditazioni riflettono la preparazione piuttosto elementare di chi ha preso gli appunti.

Scorrendo queste meditazioni, tenute in circostanze varie, si coglie nel Fondatore l'attenzione a proporre alla gioventù paolina gli esempi di Gesù a Nazaret: silenzio, raccoglimento interiore e preghiera (n. 1); crescita in sapienza, età e grazia, obbedienza, povertà, castità (n. 23); pratica delle virtù familiari, particolarmente dell'umiltà, carità, laboriosità, sincerità e attenzione alle piccole cose (n. 27). È Gesù, dice Don Alberione, nella «vita privata, durata per trent'anni, il vero modello della vita religiosa» (n. 23).
Oltre l'imitazione delle virtù ordinarie che costituiscono il tessuto della vita di ogni giorno, suggerisce l'edificazione vicendevole, la correzione fraterna (n. 29), esorta alla lettura assidua del Vangelo e indica le disposizioni necessarie per ricavarne frutto (n. 31). Ogni occasione gli è propizia per raccomandare la devozione alla Madonna che ci porta «a conoscere, imitare, possedere, trasformarci in Gesù» (n. 15).

Nella predicazione il Fondatore ha sempre presente la finalità apostolica della vocazione paolina, quindi ne sottolinea alcuni aspetti: l'apostolato stampa «viene da Dio ed è voluto da Dio» (nn. 5, 11, 13); è la «continuazione dell'apostolato del divin Maestro» (nn. 2, 5). Esso ha come scopo la diffusione della fede (n. 13). E per «far entrare in tutti gli uomini le verità necessarie per salvarsi» (n. 2,II), per chi non sa leggere, la fede può essere rappresentata anche in figure (n. 3)
.
Fra le varie opere, Don Alberione insiste sul catechismo «primo libro da darsi, perché noi la Bibbia non possiamo interpretarla liberamente… le verità dobbiamo impararle dalla Chiesa» (n. 6).
 
 

www.operaomnia.alberione.org

 
   
 

Copyright © 2016 Famiglia Paolina
Powered by: www.paulus.net