Alberione Opera Omnia
 


 

Indicazioni bibliografiche

  Autore

Don Giacomo Alberione
  Titolo Opera Registrazioni audio ?
  Scritta nel 0
  Anno Ed 0
  Lingua Italiano
  Pagine Totale
  Destinatario Famiglia Paolina
  Forma Audio
 

Continua la lettura

0
BRANO



mp3
     
Codice:
100006

SCHEDA - Capitolo: CRISTIFICARSI   Contesto:contesto Pag.: 1


CRISTIFICARSI
(voce di Don Alberione da un montaggio audiovisivo)
(data e luogo non precisati)



«Bisogna, in sostanza, che il nostro pensiero e la nostra attività vengano a unirsi a Gesù Cristo; che formiamo interiormente un solo pensiero e facciamo esteriormente un’attività conformata all’attività di Gesù Cristo. Perciò sempre più orientare le anime verso Gesù Cristo. Cristificarsi. Cristificarsi.
Ecco, quella preghiera: che io scompaia; che io sia assorbito da Cristo. Poi le altre parole: O Verbo eterno, voglio passare la vita a sentirti, a nutrirmi di te; che io sia un prolungamento di te, un docilissimo tuo membro.
Vi è un’unica meta per i veri santi, un’unica consegna: Vivit vero in me Christus. Siamo dei prolungamenti di Gesù, di Gesù che ha trovato in noi dei docilissimi strumenti, docilissimi strumenti, e ci fa muovere e dispone, ci chiama e ci fa passare per varie circostanze e per difficoltà, qualche volta anche per momenti di consolazione. Sempre Lui, Lui, Lui, in tutto, in tutto.
Questa necessità di centrare la nostra divozione in Lui è assoluta, perché «Non est in alio aliquo salus. Non c’è salute fuori di Lui». Allora bisogna passare necessariamente da Lui e avere quindi proprio i suoi pensieri. La nostra mente che sia la sua, cioè, che Egli con la sua mente domini, guidi, illumini la nostra mente. E che noi abbiamo il suo cuore rivolto al Padre, rivolto alle anime. E che noi abbiamo la volontà di Dio, la volontà del Padre quale l’ha fatta Gesù Cristo e come vuole che la facciamo, in maniera tale che Lui viva davvero in noi.
Non solamente pensare: «vivo con Cristo»; ma sia proprio Lui l’attore, l’attore, il vero regista. Egli tutto, in tutto, sempre. Così.
Possiamo lasciar vivere Cristo in noi? Non lo cacciamo? Non lo dimentichiamo? Lo sentiamo? Sentiamo che egli è in noi e che è Lui che ci fa parlare, che ci fa muovere, che ci fa agire, che ci fa tralasciare una cosa perché non piace a Lui o che ce ne fa abbracciare un’altra perché piace a Lui?
«Vivit vero in me Christus». Che scompariamo. Ecco. E che viva tutto e solo e sempre Lui perché questo è il mistero del Cristo: essere il capo, noi le membra.
Come è bella allora la nostra devozione e come è più facile l’operare anche nei casi difficili e com’è più facile dominare i sensi, dominare le passioni e come orientarle tutte verso Dio. Allora noi siamo come sopra il nostro essere umano, sentiamo di essere mossi da un Dio e che le nostre opere sono divine. Divine perché il pensiero che le ha guidate è di Gesù Cristo, la mossa interiore, che è la mossa dell’amore, è di Gesù Cristo e la volontà che viene a determinarsi è di Gesù Cristo. Noi il prolungamento. Noi le membra.

Egli è il capo che comanda di muover la mano, di muover il piede e fare quest’azione, di andare, venire, sentire, parlare secondo i casi. Egli che opera in noi. Che ci abbia talmente assorbiti che quasi non sentiamo più la natura. Ma questo è un ideale. Tuttavia è il centro della divozione. Ed è la meta che i Paolini han da raggiungere».
 
 

www.operaomnia.alberione.org

 
   
 

Copyright © 2016 Famiglia Paolina
Powered by: www.paulus.net